Italia, Parolo: "E' un obbligo esserci ai Mondiali. Lazio da scudetto? Utopia"

Calcio

Il centrocampista della Lazio ha parlato in conferenza stampa a Coverciano, in vista della partita di venerdì contro la Macedonia: "Giovani talentuosi, il modulo è relativo. Lazio, obiettivo Europa ma non scudetto"

Tre giorni, alla sfida con la Macedonia. Poi, l’Italia affronterà l’Albania e concluderà il girone di qualificazione per i Mondiali di Russia dell’anno prossimo. A Coverciano, Marco Parolo ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa, sullo stato della Lazio e della Nazionale. “Le partite con Spagna e Israele ci sono servite per analizzare gli errori fatti e gli aspetti positivi, che vanno sempre considerati. Dispiace che ci siano tanti compagni che non stanno bene, ora dobbiamo guardare avanti però: il progetto è corale. I giovani sono molto interessanti, stanno facendo vedere belle cose in campionato, ma dovranno adattarsi al nuovo modo di giocare. Non mi preoccupo: sono svegli e hanno voglia di fare” ha detto il centrocampista. Negli ultimi giorni, uno degli argomenti più toccati è il 4-2-4: “Penso che non cambi molto, avremmo potuto anche affrontare la Spagna schierati così. Quella partita ci è servita per analizzare alcune cose, purtroppo quando si hanno 3-4 giorni è complicato. Qualsiasi modulo richiede alla fine due centrocampisti, ciò che cambia sono alcuni compiti in fase difensiva e le linee di passaggio. Immobile è una pedina importante, sono contento di godermelo anche alla Lazio, dove ha trovato piena fiducia”. Parolo ha quindi ribadito il pensiero di Ventura per un’eventuale mancata qualificazione: “Sarebbe una catastrofe, deve essere un obbligo. Ci teniamo tutti tantissimo”.

Capitolo Lazio

Nel corso della conferenza, il giocatore ha parlato anche della sua squadra. “Lo scudetto per la Lazio è utopia, anche se i risultati ci danno ragione. Stiamo costruendo qualcosa di importante, anche se non siamo la versione più forte: il primo anno c’erano Klose, Mauri, Candreva e in generale c’era più furbizia per la gestione della partita. Ma non escludo che quella attuale possa diventare la più forte, visti i tanti campioni che ci sono” ha detto Parolo. Che quindi fissa gli obiettivi: “L’Europa è quello principale e per il quarto posto speriamo di continuare così. Stiamo per affrontare altri due minicicli che diranno di che pasta siamo fatti”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche