Maradona sfida Mayweather: "Ti ammazzo! Ma non a pugni..."

Calcio

L'ex Pibe de Oro ha pensato bene di sfidare il pugile statunitense che si è definito "Re dei tatuaggi". "Ma quali tatuaggi, fratello. I miei! Ma se lo prendo, lo ammazzo... Non a pugni ma a calci di rigore", ha detto Maradona ironico

Che sia un personaggio sopra le righe è fuor di dubbio, che abbia il coraggio di lanciare e accettare sfide anche. Diego Armando Maradona fa sempre parlare di sé, nel bene, nel male, quando scherza o quando è serio. In un'intervista rlasciata al quotidiano argentino "Olè", ha pensato bene di sfidare l pugile Floyd Mayweather Jr., considerato il miglior boxista della storia con un record di 50 vittorie su altrettanti match disputati.

Il motivo della disputa nella fattispecie è quantomeno curioso. Il pugile statunitense - che ha disputato l’ultimo incontro della sua carriera nel famoso "Match del Secolo" contro il lottatore di arti marziali miste irlandese Connor McGregor - si è definito "Il Re dei tatuaggi". E allora Maradona ha replicato: "Ma quali tatuaggi, fratello? I miei! Mayweather dice che lui è il re dei tatuaggi. Ma se lo prendo io, lo ammazzo! (ride, ndr)". Poi l’argentino ha precisato: "Non a pugni, ma a calci di rigore".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche