Brasile, l'ex Porto Lucho Gonzales accusato dalla moglie di tentato omicidio

Calcio
lucho_gonzales_getty

L'ex centrocampista di Porto e Marsiglia è accusato di tentato omicidio dalla moglie Andreia da Silva Marques Gonzales. Ha cercato di soffocarla e di tagliarle i polsi durante una lite degenerata lo scorso 8 dicembre. La Polizia ha aperto un'indagine ed emesso un'ordinanza restrittiva

In molti Lucho Gonzales se lo ricorderanno come un ottimo centrocampista, al Porto tanta sostanza mista a qualità, e anche qualche gol. Non è però il motivo per cui è tornato alla ribalta, dopo essere rincasato in Sudamerica (all’Atletico Paranense in Brasile) per concludere la sua carriera. Stando a quanto scrive Globo Esporte, notizia poi passata anche da Marca in Spagna, è infatti stato accusato di tentato omicidio nei confronti della moglie. Lo scorso 8 dicembre avrebbe infatti tentato di ucciderla dopo una diverbio degenerato in aperta e ingiustificata violenza. “Mio marito ha cercato di uccidermi dopo una discussione avuta con lui - ha detto Andreia da Silva Marques Gonzales, la moglie - Ha cercato di soffocarmi e tagliarmi i polsi, facendo vedere ai nostri figli in che condizioni mi aveva ridotta”. Non solo: “A un certo punto ha anche iniziato a gridare che mi avrebbe ucciso. In più ha svuotato casa prendendo tutti i gioielli e rubando tanto denaro, a me e anche ai nostri dipendenti”.
 

Un fattaccio, e la Polizia civile ha già confermato la denuncia e aperto un’investigazione. Per l’ex Porto e Marsiglia, anche oro olimpico con l’Argentina ad Atene 2004, c’è un'ordinanza restrittiva. Dovrà stare ad almeno 500 metri di distanza dalla moglie, dai familiari e da tutti i testimoni del caso. Oltre che dai suoi figli, ovviamente, che non potrà vedere per almeno tre mesi.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche