I ricordi di Ronaldo: "All'Inter ho scoperto una forza che non credevo. E quel provino da portiere..."

Calcio
Ronaldo e Zico su Canal Zico 10
ronaldo_youtube2

Ronaldo il Fenomeno è ospite del canale Youtube di Zico. L'ex Inter sfoglia l'album dei ricordi: "Da piccolo ho fatto un provino da portiere...e l'ho passato. All'Inter ho scoperto di avere una forza che non credevo"

CALCIOMERCATO - TUTTE LE TRATTATIVE LIVE - IL TABELLONE - LO SPECIALE

Ronaldo, il Fenomeno, ripercorre a Canal Zico 10, il canale Youtube di Zico, le tappe più importanti della sua carriera. L'ex numero 9 ha confermato che il periodo più divertente è stato quello del Real dei Galacticos: “Quella è stata un’epoca incredibile. In allenamento vedevamo l’eleganza di Zidane, rilassato, faceva cose che in partita è spesso difficile vedere. Ci divertivamo molto, dentro e fuori dal campo”. Un personaggio di quella squadra che ha colpito in modo particolare Ronaldo è Guti: “Aveva una visione incredibile. Se ti vedeva, ti trovava uno spazio per servirti. Era uno dei più talentuosi del gruppo”. E sul livello della Liga di oggi il Fenomeno non fa giri di parole: “ Manca competitività. Vedo il Real e il Barcellona dominare, le altre squadre sono molto lontane”. 

L’ex Inter racconta anche i suoi inizi e il provino di futsal in Brasile. Un provino particolare: “Ero andato a fare una prova a Valqueire. Il calcio a 5 era molto giocato, c’erano 50 bambini. Volevo giocare ala destra ed era il ruolo in cui c’erano più bambini. A sinistra non mi trovavo bene, c’era fila in ogni posizione. In porta però erano solo tre, ho fatto la prova come portiere e l’ho superata. Poi in allenamento ho cambiato posizione non sono tornato più tra i pali”. Dopo ci fu un altro provino speciale, quello con il Flamengo: “Avevo 10 anni e giocavo ancora a futsal. Avevo passato la prima selezione e arrivai alla seconda. Avevamo solo pochi minuti per mostrare qualcosa. Organizzava Cantarelli, che mi notò e mi accettò. Solo che io vivevo a Bento Ribeiro, ci volevano due autobus per arrivare al campo. Alla terza volta che facevo avanti e indietro mia madre mi disse che non era fattibile per il bilancio familiare. Quindi andai al Sao Cristovao, è stato un gran peccato perché il mio sogno era giocare con il Flamengo”.

Il Fenomeno poi passa al Psv: “Quando andai lì il mio corpo cambiò per l’alimentazione. Non mi importava nulla del freddo o di altro, volevo solo vincere. I giovani oggi devono averlo a mente: bisogna applicarsi. Fino quando non hai un infortunio e quello ti rende più forte. Io al mio primo infortunio serio all’Inter, quando avevo 24 anni, ho scoperto una forza dentro di me che non sapevo di avere”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche