Wolverhampton, il raccattapalle esagera: spinge il coach avversario

Calcio
1

Singolare episodio durante una gara di Championship: un raccattapalle del Wolverhampton strappa la palla dalle mani del vice allenatore dell'Hull City per velocizzare la ripresa del gioco e viene espulso. La società non licenzia il ragazzo e in Inghilterra scoppia la polemica

Si chiama Tom Aitchinson, ha 16 anni, ed è stato il grande protagonista della sfida tra Wolverhampton e Hull City, Champioship inglese, che si è disputata lo scorso martedì. Un baby prodigio che con i suoi gol o suoi assist ha deciso il match? No no, perchè il ragazzo in questione di professione fa il raccattapalle ma nonostante questo è riuscito in egual modo a mandare in delirio i tifosi del Molineux Stadium. Come? Minuti finali del match (gara ferma sul 2-2), il ragazzo nota un'eccessiva perdita di tempo da parte dello staff tecnico dell'Hull City nel consegnare la palla ai giocatori in campo per far riprendere il gioco, allora entra nell'area tecnica e strappa via il pallone dalle mani di Andy Crosby, vice allenatore dell'Hull City: secondo alcune persone presenti allo stadio inoltre il ragazzo avrebbe anche fatto un gesto poco carino nei confronti dello staff tecnico dell'Hull City.

"Nessun licenziamento", il Wolverhampton sotto accusa

I tifosi del  Wolverhampton hanno riservato una vera e propria ovazione al giovane raccattapalle (espulso dall'arbitro dell'incontro), ma subito dopo il fischio finale del match ecco arrivare una notizia poco gradita al pubblico del Molineux Stadium: Tom Aitchinson sarebbe stato licenziato proprio per l'episodio accaduto con lo staff tecnico dell'Hull City. I tifosi hanno subito lanciato online una petizione sottoscritta da ben 3.600 persone per 'salvare' il ragazzo: a tranquillizzare però il giovane raccattapalle e i tifosi del Wolverhampton ci ha pensato proprio la società che, attraverso un tweet di Laurie Dalrymple – amministratore delegato del club – ha smentito la notizia confermando che non ci sono stati licenziamenti nel personale dopo la gara con l'Hull City. Una decisione che in Inghilterra ha suscitato e continua a suscitare diverse polemiche, con il Wolverhampton sotto accusa per non aver licenziato il ragazzo dopo il gesto antisportivo.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche