Lutto nel giornalismo, è morto Ignazio Scardina. Storico volto Rai di 90° minuto

Calcio

Giovanni Bruno

scardina

L'ex giornalista Rai si è spento a 70 anni, ad annunciare la sua scomparsa la famiglia con un post su Facebook: "Per tutti gli amici di Ignazio. Purtroppo oggi ci ha lasciati. La moglie e i figli."

Lo conoscevo da tanti anni, quando in Rai collaboravo. Lui era di quelli che andava in video, era bravo. Nei collegamenti era sempre preciso e mai prolisso, insomma uno di quelli che forse si dimenticano perché si vestiva bene e non faceva strafalcioni: quindi no personaggio. Invece personaggio lo era, eccome: con gli amici e con tutta la truppa. Divertente, simpatico, compagnone… Insomma era il collega che avresti sempre voluto in trasferta. Quando rientrai in Rai, con altro ruolo, prima caporedattore centrale e poi Direttore, Ignazio era un ottimo punto di riferimento sul calcio. Puntuale, buon procacciatore di notizie e soprattutto capace nel gestire gli altri. Il passo fu abbastanza facile e con Eugenio de Paoli, Giampiero Bellardi e Andrea Giubilo, allora ViceDirettori, decidemmo di affidare ad Ignazio la redazione Calcio. Compito complesso e difficile con mondiali europei e... il quotidiano. Ignazio è stato veramente bravo, nulla da dire. Ha gestito benissimo tutto e alla sua maniera, battute di spirito e incazzature. Uno spettacolo.

Da capo del calcio ad un letto di ospedale è stato un drammatico passaggio che si chiama Calciopoli. Accuse infamanti che, nonostante una difesa perfetta e un reintegro nei propri ruoli, ti segnano. Eccome. In maniera indelebile. Ecco cosa riesce a fare la cattiveria e l’invidia. Terribile. E’ stato un lento ed inesorabile abbandono delle serenità. Ora è finita. Dopo anni di dura battaglia, Ignazio ha ceduto o meglio ha finito di mostrare il petto verso chi ha puntato l’infame dito. Si è spento, affaticato, deluso. Ma si è anche convinto di avere attorno molti amici. Come Carlo Paris e Marco Mazzocchi, per fare due nomi, che avevano creato un bel gruppo di amici che di continuo gli scrivevano messaggi per infondergli forza e speranza. Ogni giorno un saluto e ogni sera una buonanotte. Ora la notte è scesa, rimane il buio e la tristezza per sua moglie e i suoi figl. A noi rimangono i ricordi del buon lavoro fatto da Ignazio e i mille aneddoti che ci fanno sorridere. Ciao Ignazio, ti abbraccio forte come facevamo sempre dopo le dure giornate in RAI.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche