Nazionale, Capello: "Mancini ha la giusta esperienza, deve creare uno spirito di gruppo"

Calcio
Fabio Capello (getty)
Capello_Getty

L'ex CT della Russia dà il benvenuto a Mancini: "Arriva da esperienze all'estero, ha qualcosa in più. Ma la forza delle nazionali passa dal gruppo. Balotelli? Il suo ritorno dipende da tante cose"

MANCINI: "OROGLIOSO DI ESSERE CT. CHIAMERÒ BALOTELLI"

MANCINI, ECCO LA POSSIBILE PRIMA ITALIA

La Nazionale riparte da Roberto Mancini. È l’anno zero per i colori azzurri: dopo la fallita qualificazione al Mondiale di Russia, in mano al nuovo CT la responsabilità di ricominciare a costruire. A dire la sua sulla scelta della Federazione di affidare all’ex allenatore di Zenit e Inter la panchina dell’Italia è stato anche Fabio Capello, che così ha parlato al Corriere dello Sport: “Mancini ha l' esperienza giusta, è stato tanto all' estero, ha anche qualcosa in più. Purtroppo la qualità dei giocatori non è eccelsa, però non è nemmeno così cattiva: i giovani comunque devono migliorare ancora per esprimere un calcio di livello superiore e affrontare alla pari le grandi avversarie”. E ancora: “Ripartire dai vivai? Se lo facciamo non ci qualifichiamo neanche al prossimo Europeo... Scherzi a parte: Mancini deve pensare alla squadra migliore da costruire adesso, ma il problema viene da lontano: quando vedo che ragazzi di 12 anni fanno gli schemi sui calci d' angolo, non lo accetto. Puntiamo sulla tecnica: con il calcio veloce che c' è adesso, se non ce l'hai non vai avanti”.

"Balotelli? Deciderà Mancini. Brasile favorito per il Mondiale"

Mancini ha già ammesso di voler riportare Mario Balotelli in Nazionale: “Sarà lo stesso CT a decidere se può tornare in azzurro, dipende da tante cose - ha continuato Capello - Il calcio è uno sport di gruppo e la forza delle Nazionali che hanno vinto è stato proprio creare un grande spirito di gruppo. È quello che dovrà fare Mancini: soprattutto se la squadra non è di altissimo livello, il gruppo fa la differenza”. Intanto il Mondiale è alle porte e non ci sarà l’Italia: “Stiamo ancora litigando, in Lega e in Federazione. Tutti hanno la loro idea, ma non si vede una linea per fare le cose come vanno fatte. Le chiacchiere sono facili, ma il Milan di Berlusconi e questa Juventus dimostrano che le idee vanno messe in pratica: con organizzazione, uomini giusti, ricerca del meglio. E penso che la Juve possa conquistare anche l’ottavo Scudetto”. Capello che poteva essere in panchina in Russia: “Avevo un contratto con la nazionale russa, ma mi hanno mandato a casa, anche se avevo riportato la squadra al Mondiale 2014, dopo 12 anni. I momenti delle Nazionali sono legati ai giocatori che hai, vale per tutti. I favoriti? Il Brasile. Poi Germania e Spagna. La Francia può essere la sorpresa”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche