Vazquez, altro che Italia: "Mi sono sempre sentito argentino"

Calcio

L'ex giocatore del Palermo è felice della chiamata arrivata da parte della selezione sudamericana: "Ho giocato con la nazionale italiana perché è il Paese di mia madre, ma grazie a Dio ora ho la possibilità di vestire la maglia dell’Albiceleste"

ARGENTINA, I CONVOCATI DI SCALONI: CI SONO ICARDI E DYBALA 

Franco Vazquez, ex giocatore del Palermo e talento a lungo “corteggiato” dalla nazionale azzurra con cui era sceso in campo in due partite nel 2015, ha qualche sassolino nelle scarpe da togliersi dopo la prima convocazione arrivata dall’Argentina; una nazionale in profonda rifondazione dopo il flop mondiale e quella che il trequartista del Siviglia sente essere la sua casa. Sulla panchina dei sudamericani al posto di Jorge Sampaoli c’è Lionel Scaloni che ha sorpreso tutti lasciando a casa per una volta Messi e affidandosi in attacco agli “italiani” Mauro Icardi, Paulo Dybala, Giovanni Simeone e Lautaro Martinez. Nessuno di loro però ha mai vestito la maglia azzurra a differenza di Vazquez, felice dell’opportunità e che non sembra avere dubbi: “Ho parlato con Scaloni e mi ha detto che c’era la possibilità di essere convocato. L’ho ringraziato. Qualche anno fa ho giocato con la nazionale italiana perché è il Paese di mia madre, ma grazie a Dio ora ho la possibilità di vestire la maglia dell’Albiceleste. Mi sono sempre sentito argentino”. Una parentesi quella con l’Italia durata due partite, entrambe amichevoli contro Inghilterra e Portogallo. Non essere dunque mai sceso in campo in una gara ufficiale con la nazionale azzurra gli ha permesso di scegliere e di poter rispondere presente alla chiamata della sua nazione d’origine, dove è cresciuto anche calcisticamente prima di arrivare a Palermo e sbocciare definitivamente. Le parole rilasciate a TyC Sport, emittente argentina con sede a Buenos Aires (ulteriore motivo per dimostrarsi felici della chiamata della nazionale sudamericana), lasciano davvero pochi dubbi: "Quando ho avuto l’opportunità di giocare con l’Italia, l’allenatore dell’Argentina mi ha chiuso la porta. E visto che una nazionale importante come l’Italia mi ha chiamato, io ho accettato".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche