Bolt saluta i Mariners ma non molla: "Via per problemi contrattuali, ho altre possibilità"

Calcio

Il giamaicano ringrazia ma saluta: "Sono stato bene, vado via soltanto per problemi contrattuali". Bolt, però, non molla: "Il mio agente sta valutando altre opportunità"

BOLT NON DIVENTA CALCIATORE PROFESSIONISTA: NIENTE ACCORDO COI MARINERS

L'avventura australiana sembrava essere quella giusta, quella che avrebbe permesso a Usain Bolt di farsi apprezzare anche nel mondo del calcio. E invece il giamaicano dovrà ancora aspettare prima di realizzare il suo sogno nel cassetto. Dopo due mesi di allenamenti, è arrivato il divorzio con i Central Coast Mariners che gli avevano offerto un contratto a 'soli' 95mila euro l'anno. Bolt ha rifiutato e salutato: "Non abbiamo proseguito insieme soltanto per problemi contrattuali – ha dichiarato l'ex velocista giamaicano – Non ha funzionato, ma comunque ci siamo lasciati bene. È stata un'esperienza grandiosa per me, i ragazzi sono stati fantastici. Il sogno di diventare un calciatore professionista? Vediamo cosa succede, il mio agente continua essere contattato per delle nuove opportunità".

Il proprietario dei Mariners: "Collaborazione vantaggiosa"

Usain Bolt è stato salutato così da Mike Charlesworth, proprietario dei Central Coast Mariners: "Per noi è stato un piacere avere Usain, abbiamo cercato di realizzare il suo sogno di diventare un calciatore professionista. Questa è stata una collaborazione vantaggiosa per entrambi, perché la presenza di Bolt ha portato molta più attenzione sulla nostra squadra e sul calcio australiano".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche