Washington, Rooney arrestato all'aeroporto per ubriachezza e comportamento molesto

Calcio

Ubriaco in un aeroporto della capitale statunitense, arrestato l'ex nazionale inglese Wayne Rooney. L'episodio risale allo scorso 16 dicembre e soltanto nelle ultime ore è stato reso pubblico. Già nel settembre del 2017 all'ex Manchester United era stata ritirata la patente per guida in stato d'ebbrezza

FA CUP: I RISULTATI DEL TERZO TURNO

BLACKPOOL, TIFOSO PROTESTA SUL BUS DELL'ARSENAL

Wayne Rooney, ex nazionale inglese ora attaccante del D.C. United, sarebbe stato arrestato in un aeroporto della capitale americana mentre era ubriaco e con atteggiamento molesto. L'incidente risale al 16 dicembre ma la notizia è uscita solo di recente. Un portavoce dell'ufficio dello sceriffo della contea di Loudoun, Virginia, ha dichiarato: "In seguito all'arresto da parte della polizia dell'Aeroporto Metropolitano di Washington è stato portato nel centro di detenzione per adulti della contea di Loudoun il 16 dicembre 2018, con l'accusa di pubblica ubriachezza. Il rilascio è avvenuto poco dopo".

I precedenti

Nel settembre 2017 Rooney era stato fermato mentre si trovava alla guida di un Maggiolino Volkswagen con un tasso alcolico che superava di tre volte quello previsto dalla legge. In seguito a ciò gli era stato vietato di guidare per un totale di due anni e gli era stato ordinato di svolgere dei servizi non retribuiti alla comunità.

I più letti di calcio