Papa Francesco: "Messi come Dio? Non si può dire, ma sono espressioni popolari"

Calcio

Il Pontefice risponde alla domanda del giornalista spagnolo di Saldavos: "In teoria è un sacrilegio dirlo, ma la gente la usa come espressione popolare. È un modo per dire 'lo adoro, in campo è un Dio'"

MESSI SHOW, IL BARCELLONA VINCE IL DERBY

SOLIDARIETA' SENZA FINE, IL GESTO DI MESSI È SPECIALE

La domanda è di quelle che scottano. "Si può dire che Messi è Dio?". A rivolgerla ad appassionati e fanatici del fuoriclasse blaugrana si potrebbe ricevere una risposta scontata, mentre decisamente più curioso e interessante è chiedere un riscontro alla massima espressione spirituale al mondo: Papa Francesco. A fare la delicata domanda al Pontefice ci ha pensato Jordi Evolè, giornalista spagnolo del programma tv "Saldavos". "Per lei che li conosce entrambi è un sacrilegio dire che Messi è Dio?" ha chiesto il cronista iberico nella sua intervista esclusiva a Sua Santità. "In teoria lo è, non si può dire - ha risposto il Papa -. Io non credo sia così, tu lo credi?". Il giornalista ha ammesso, candidamente, di considerare la Pulga al pari di una divinità. "Per me non lo è - ha aggiunto il Pontefice -. La gente dice 'è Dio', come a intendere 'io lo adoro'. È solo un'espressione della gente, è come dire che 'è un Dio con la palla in campo'. Sono modi popolari di esprimersi". Nessun dubbio, invece, sul valore del talento del Barça: "Chiaro che vederlo giocare dà tanta soddisfazione". Una risposta che, probabilmente, metterà d'accordo tutti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche