Malesani, Dal Parma all'Amarone: la seconda vita dell'allenatore veneto

Calcio
Fonte foto: lagiuva.it

L'ex allenatore dei gialloblù non nasconde la voglia di tornare in panchina, ma ormai da un po' di anni ha avviato la sua nuova attività: è diventato produttore di vini, creando un'azienda di famiglia nella sua terra natia

MALESANI: "IO UBRIACONE? NON È VERO"

“Produrre vino è un’arte che permette all’uomo di vivere la terra in modo più diretto, più autentico. È un lavoro duro, che richiede grande attenzione, dal quale si ricavano molte soddisfazioni perché ogni vite è diversa dall’altra, è un essere umano con una sua storia da raccontare”. Parola di Alberto Malesani, un’icona del nostro calcio e ancora oggi l’ultimo allenatore in grado di far vincere a una squadra italiana la moderna Europa League (all’epoca Coppa Uefa). Sono passati vent’anni da quel 3-0 al Marsiglia che consegnò nelle mani dal Parma la seconda coppa continentale della sua storia (oltre a una Coppa delle Coppe e a una Supercoppa europea) e da allora ha completamente cambiato vita. Non ha perso la passione per il calcio né la voglia di tornare in panchina, ma oggi Malesani passa le giornate nelle campagne a dedicarsi alla sua grande passione: produrre il vino. "Non sputo nel piatto in cui ho mangiato ma oggi sono felice e sto meglio così - racconta a La Repubblica in occasione del Vinitaly -. Il vino lo puoi fare pensando al business oppure per vivere assieme alla terra. Io l'ho fatto per questo motivo e sono contento”. L’idea gli venne proprio durante una trasferta europea con la squadra emiliana, precisamente a Bordeaux, dove visitò una cantina e, assaporando del vino rosso con un po’ di ostriche, ne rimase affascinato: “Pensai che mi sarebbe piaciuto averne una anch’io”.

Da lì tre anni solo per individuare i terreni giusti, ravvisati alla fine nel territorio di Trezzolano, piccolo insediamento dell’alta Val Squaranto, a circa 350 metri d’altezza in Valpolicella. Scelta dettata dalla particolarità di queste colline, caratterizzate da pendenze costanti e da vigneti che seguono un'esposizione contraria est-ovest e garantiscono, dunque, un'eccezionale persistenza di freschezza e aromi nei vini. Una decisione azzeccata di cui il 64enne di Verona va molto fiero: “Non tutti sanno quanto sia importante la differenza di temperatura fra il giorno e la notte per avere un buon vino profumato". Con sacrificio e passione, Malesani ha avviato così la sua azienda, denominata “La Giuva”. Nome non casuale, ma suscitato dall’amore e dall’unione familiare. La denominazione, infatti, non è un altro che una crasi del nome delle figlie, Giulia e Valentina, anticipato da quel ‘La’ che non è altro che l’iniziale del suo nome invertito. Le ore di fatica passate dietro questa grande attività hanno reso i prodotti dell’ex allenatore veneto marchi ormai riconosciuti in tutta Italia. Dal “Valpo” al “Rientro”, per finire all’“Amarone” e al “Recioto”, Malesani ha trovato la sua nuova dimensione. E oggi come allora ha vinto la sua scommessa.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche