Casillas esce dall'ospedale e si emoziona: "Futuro? L'importante è essere qui a parlarne"

Calcio

Il portiere spagnolo è uscito dall'ospedale dopo l'infarto e il ricovero immediato. Visibilmente emozionato ha ringraziato per le migliaia di manifestazioni di affetto: "La cosa più importante è poter essere qui a parlarne"

CONCEIÇAO: "RITORNO IN CAMPO? LA VITA È PIÙ IMPORTANTE"

MEDICI DIVISI, IL MESSAGGIO DELLA MOGLIE

L'AFFETTO DEGLI SPORTIVI PER IKER

“La cosa più importante è poter essere qui a parlarne”. Sono le parole di un Iker Casillas visibilmente emozionato all’uscita dall’ospedale dopo l’infarto degli scorsi giorni nel corso di una seduta di allenamento e l’immediato ricovero.

Il portiere spagnolo si è ripreso, è ancora cauto perché – come ammette lui stesso – “non so quale sarà il futuro”, ma è comunque conscio del pericolo scampato. "Voglio ringraziare per le migliaia di dimostrazioni di affetto, dovremo aspettare un paio di settimane o un paio di mesi, non so quale sarà il futuro, ma la cosa più importante è essere qui e poterlo raccontare", ha detto con gli occhi lucidi, molto emozionato, uscendo dall’ospedale in compagnia della moglie Sara.

La vicenda Casillas e l'affetto del mondo dello sport

Casillas, colpito improvvisamente da un infarto al miocardio il 1° maggio durante un allenamento con il Porto, era ricoverato presso il CUF Porto Hospital. Lì ha ricevuto la visita di tutti i compagni di squadra e dell’allenatore Conceiçao (“Se tornerà a giocare? Io dico che il calcio è parte della vita, ma la vita è più importante di ogni altra cosa”, le sue parole nell’ultima conferenza stampa), oltre a manifestazioni di affetto da parte di tutto il mondo del pallone, e non solo. Dalla coreografia dei tifosi del Porto, interamente dedicata a lui, prima dell’ultima gara casalinga, ai messaggi sugli striscioni con cui sono entrati in campo i giocatori di Porto e Real Madrid (il club in cui ha trascorso i migliori anni della sua carriera).

Esperti divisi riguardo le sue possibilità di tornare in campo. Se da un lato il medico del Porto ha preso tempo circa il futuro di Casillas, dicendo che bisognerà valutare diversi fattori, dalla Spagna sembrano abbastanza sicuri del fatto che il portiere non potrà più tornare a giocare a livello agonistico e sarà costretto a ritirarsi nonostante abbia da poco rinnovato il suo contratto con il Porto (Casillas compirà 38 anni il 20 maggio e puntava a giocare anche oltre i 40 anni).

I più letti di calcio