Mondiali femminili, la stella Usa Rapinoe: "Impossibile vincere senza gay in squadra"

Calcio

Marco Salami

Così l'ala della nazionale americana dopo la doppietta decisiva per la semifinale. Da anni è un'icona nella lotta contro ogni forma di discriminazione: "Per me essere gay durante i Mondiali e il mese del Pride è fantastico"

USA-OLANDA LIVE

IL BOTTA E RISPOSTA TRA RAPINOE E TRUMP

Undici calciatrici ascoltano l'inno americano: dieci cantano, una no. È Megan Rapinoe, ormai celebre tanto per i suoi gol che per il forte impegno nel sociale. Gli ultimi due sono arrivati nei quarti di finale contro la Francia: doppietta e semifinale, i numero quattro e cinque del suo Mondiale, cifra che la porta sul gradino più alto del podio dei capocannonieri (anche se al pari di Ellen White, Sam Kerr e della compagna d'attacco Alex Morgan). Poi l'impegno, come detto. Megan Rapinoe è ormai diventata "la calciatrice dei diritti civili", come l'ha definita Vanity Fair, e le sue ultime parole dopo la vittoria sulla Francia sono un nuovo attestato del suo orgoglioso sostegno per i diritti LGBTQI: "Non si può vincere una competizione come questa senza gay in squadra, non è mai successo prima. È scienza - ha detto la Rapinoe -. Sono motivata dalle persone a cui piaccio e che combattono le mie stesse battaglie. Mi danno molta più energia che provare a dimostrare agli altri che si sbagliano. Per me essere gay durante i Mondiali e il mese del Pride è fantastico".

L'identikit

Ma chi è Megan Rapinoe? Classe 1985, ancora ai vertici del calcio mondiale nonostante i 33 anni di età. Dal 2013 è tornata in America nei Seattle Reign dopo la parentesi europea col Lione, dove ha vinto due volte il campionato francese. È dichiaratamente omosessuale, oltreché un'icona nella lotta contro ogni forma di discriminazione. La sua relazione con la playmaker della nazionale americana di basket, Sue Bird, è nota quanto lo sono le sue grandi qualità come calciatrice: ala, brava bel dribbling e, evidentemente, anche nel far gol. L'inno non lo canta da tempo, come protesta contro le discriminazioni: dagli afroamericani a quella gender, e anche contro le politiche di Trump in tema di migranti. Proprio col presidente lo scontro più recente: "Non andrò alla Casa Bianca in caso di vittoria". Risposta decisa di The Donald: "Finisca il suo lavoro". Per ora, coi cinque gol personali e la semifinale raggiunta, Megan è decisamente a buon punto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.