Porto, Casillas: "Dopo l'infarto avevo paura di tutto. Tornare? Decidono i medici"

Calcio
©Getty

Il portiere spagnolo ha discusso ai canali ufficiali del Porto, il suo ultimo club, della possibilità di tornare a giocare: "La cosa più importante è la salute, dopo l’infarto avevo paura di fare qualsiasi cosa. Solo i medici mi diranno ciò che posso fare"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI DEL 19 APRILE IN DIRETTA

Iker Casillas è stato ospite di "Porto in casa", rubrica del club portoghese in cui viene intervistato un personaggio legato alla squadra. Quasi un anno dopo l'infarto del 1° maggio 2019, lo spagnolo ha raccontato i cambiamenti che ha apportato nella sua vista, sottolineando che un eventuale ritorno in campo dipenderà soltanto da un parere medico: "Alcune cose sono cambiate, principalmente nella mia testa. Ho iniziato a dare più valore a tanti momenti. A volte noi calciatori non apprezziamo ciò che abbiamo e non pensiamo di poter rendere felici molte persone. Sul tornare a giocare bisogna essere realistici. La cosa più importante è la salute. Dopo l'attacco di cuore sono stato triste per circa un mese, perché avevo paura di fare qualsiasi cosa: camminare, dormire, un piccolo sforzo fisico. Ma ora sto bene, prendo anche dei farmaci e soltanto i medici mi diranno ciò che posso o non posso fare".

La candidatura alla RFEF

In ogni caso, sono comunque poche le possibilità che Casillas torni suoi propri passi e riprenda a giocare. Lo spagnolo infatti sembra già aver progettato il suo futuro: due mesi fa ha annunciato la propria candidatura per la presidenza della RFEF, la federcalcio di Spagna, in vista delle prossime elezioni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche