Coppa d'Africa, il Ghana convince. L'Egitto no

Coppa d'Africa

Dario Di Noi

Il Ghana fa festa dopo la vittoria sull'Uganda (Getty)

La Nazionale di Avram Grant passa sull'Uganda grazie a un rigore trasformato da Ayew: ma è il collettivo a convincere. Strada opposta per Hector Cuper: l'Egitto delude le aspettative. Cosa ci ha insegnato la quarta giornata del trofeo che si sta disputando in Gabon

D come Delusione, D come Delizia. La quarta giornata di Coppa d’Africa e il suo girone D hanno proposto in un colpo solo il meglio e il peggio della prime otto sfide: il pensiero è rivolto alle big, all’Egitto che ha deluso le aspettative e al Ghana che ha conquistato tutti. Le stelle di serata sono solo quelle 'Black'. Mali…no invece, contro il Mali, Salah e compagni, rimandati alla prossima volta. Due vecchie conoscenze come Hector Cuper e Avram Grant cominciano la Coppa imboccando due strade opposte. L’ex Chelsea passa sull’Uganda solo grazie all’Ayew-tino, un rigore segnato proprio dall’attaccante del West Ham, dopo un contatto dubbio tra Gyan e Isaac Isinde. Ma è la prova di tutto il collettivo a convincere. Primo posto meritato sul podio della prima giornata, già definito se guardiamo solamente al risultato: Senegal, RD Congo e Ghana le uniche (su 16) a vincere al debutto.

Quattro giorni di Coppa hanno ricordato un dettaglio mai nascosto: regna l’equilibrio e si segna poco (12 gol), più per merito, dei portieri, che demerito, di chi ha tirato. I super numeri 1 stanno contagiando il torneo: ultimo in lista, ma primo fra i recordman, l’egiziano El Hadary, alla sua settima, settima Coppa d’Africa (di cui 4 vinte). A quanti anni? 44, appena compiuti, lo scorso 15 gennaio. E' una Coppa che sta entrando sempre più nel vivo. Giù il sipario solo di notte: al mattino l’Africa si sveglia e rivive il sapore del calcio.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche