Italia, Mancini: "Tornare ad allenare un club? Ora c'è il Mondiale, poi vediamo"

Nazionale

Il commissario tecnico durante una serata in suo onore a Jesi, sua città natale: "Bisogna rimanere concentrati, centrare al più presto la qualificazione al Mondiale e provare a vincere la Nations League. Agli Europei abbiamo sentito un paese intero che ci spingeva e i ragazzi hanno dato più di quello che avevano per fare qualcosa di speciale"

Il trionfo agli Europei è ancora vivo nella mente e negli occhi di tutti gli italiani. Soprattutto nei cittadini di Jesi, dove è nato e cresciuto Roberto Mancini. Il commissario tecnico è stato premiato dalla propria città d'origine e durante una serata in suo onore ha trattato diversi temi. A partire dal possibile ritorno alla guida di una squadra di club al termine della sua avventura in Nazionale: "Tornare ad allenare un club? Adesso c'è il Mondiale e poi vediamo. Ora bisogna stare concentrati sul Mondiale, abbiamo da centrare velocemente la qualificazione e dobbiamo provare a vincere la Nations League. Non ci penso e sono concentrato ad allenare la Nazionale, che è la cosa più bella".

Mancini Europei

"L'Italia intera ci ha spinto agli Europei, fatto qualcosa di speciale"

approfondimento

Esordienti in Azzurro: con Mancini sono già 36

Mancini ha proseguito, ripercorrendo il mese vissuto agli Europei e il significato che questa vittoria può avere avuto per tutto il paese: "Gli italiani sono un popolo combattente, ingegnosi, hanno qualità, fantasia, classe. L'Italia puo' farcela sempre in qualsiasi situazione. All'Europeo, dopo un anno e mezzo vissuto così, siamo partiti con l'obiettivo di fare qualcosa di speciale per la nostra gente. Abbiamo sentito un Paese intero che ci spingeva e questo ci ha dato grande forza. I ragazzi hanno dato di più di quello che avevano".

"Tra me e Vialli qualcosa di particolare, vissuto una vita insieme"

vedi anche

L'abbraccio di Mancini e Vialli diventa un murales

E a proposito di Europei, Roberto Mancini ha parlato del suo rapporto con Gianluca Vialli, coronato da quello splendido abbraccio al termine della sequenza dei calci di rigore contro l'Inghilterra: "Con Gianluca c'è qualcosa di particolare, abbiamo vissuto una vita insieme e agli Europei sono stati 50 giorni abbastanza intensi. Si arriva alla fine che, se si arriva vincendo, succede questo". Un rapporto che si è solidificato durante gli anni alla Sampdoria. Era l'epoca d'oro del presidente Paolo Mantovani, un'altra figura molto importante nella vita del commissario tecnico: "Sono arrivato alla Samp molto giovane, sono stato uno dei primi acquisti. E il fatto che da ragazzo non fossi calmissimo, diciamo che lo ha fatto affezionare. Per me è stata una persona molto importante, per tanti motivi".

"Mondiale ogni 2 anni? È affascinante ogni 4, ma idea da valutare"

approfondimento

Bomber dell'era Mancini: Immobile-Belotti in testa

Infine, Mancini ha commentato l'ipotesi di giocare il Mondiale ogni due anni, ipotesi valutata in queste settimane dalla Fifa: "Il Mondiale ogni due anni è qualcosa da valutare. Il Mondiale è affascinante perchè arriva una volta ogni quattro anni. Se si giocasse ogni due, vorrebbe dire un Mondiale, un Europeo, un Mondiale, un Europeo. Non so, bisogna parlarne".

Mancini firma il suo 'murale'

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche