Rivelazione choc su Escobar: "Poteva uccidere Gareca"

Calcio
combo_gareca_escobar

'Popeye', 'ex guardia del corpo e amico di Pablo Escobar, ha rivelato come il criminale colombiano avrebbe potuto assassinare il ct del Perù Ricardo Gareca, salvo poi ripensarci proprio per amore verso il calcio: "Gareca era un obiettivo di Escobar"

SHEVA: "L'ITALIA HA TALENTO, SERVE TEMPO"

NAZIONALE, "GENOVA NEL CUORE": TUTTE LE INIZIATIVE

Nuove rivelazioni choc riguardanti Pablo Escobar e il suo legame col calcio: una delle poche cose capaci (forse) di far riflettere il criminale colombiano che, nonostante sia defunto da circa venticinque anni, continua a far parlare di sé. Un sua ex guardia del corpo nonché amico e confidente, Jhon Jairo Velásquez Vásquez alias 'Popeye', ha rilasciato un’intervista a 'Diario Popular de Perú' in cui racconta come l’attuale ct del Perù, l’argentino Ricardo Gareca, sarebbe potuto diventare una delle vittime proprio di Escobar e del cartello di Medellín.

I fatti: “Ecco perché salvò Gareca e gli altri giocatori”

Tutto ciò sarebbe potuto accadere a metà degli anni '80 durante la guerra tra il cartello di Medellín di Escobar e il cartello di Cali: nemici giurati da sempre. A quei tempi Gareca era un giocatore dell’America de Cali, dove è rimasto dal 1985 al 1989 prima di chiudere la carriera al Velez Sarsfield e all’Independiente. Escobar avrebbe voluto piazzare un’autobomba presso la sede del club, ma l’amore del criminale per il calcio l’ha portato ad evitare di compiere un gesto simile. A rivelarlo è 'Popeye' stesso: "Ricardo Gareca è sempre stato nelle mire di Escobar ma l’amore per il calcio del 'Patron' salvò lui e tutti gli altri giocatori dell’America de Cali". Ma non solo. C’è molto di più: "Sequestrò giocatori del Cali per consegnarli ai Rodriguez – continua l’ex killer – e siccome non cooperarono uccisero la famiglia di Pedro Sarmiento, attuale commentatore del Gol Cararcol".

L'assassinio di Álvaro Ortega

Un altro crimine legato al calcio e riconducibile ad Escobar è anche l’assassinio dell’arbitro Álvaro Ortega, avvenuto nell’89. Ortega Diresse il match tra América de Cali e Independiente de Medellín (terminato 3-2 per i padroni di casa) e, a 2’ dalla fine, annullò un gol alla squadra tifata da Escobar. Qualche tempo dopo, a causa di ciò, fu giustiziato a colpi di mitra senza pietà. Nonostante l’assassinio sia riconducibile proprio al 'Patron', l’omicidio è stato archiviato nel 2009, dopo vent’anni dalla sua prescrizione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche