Omicidio Freitas, un altro arresto: fermato l'uomo che avrebbe fornito il coltello a Edison Brittes

Calcio
daniel_correa

Ancora una persona arrestata in Brasile per il terribile omicidio di Daniel Correa Freitas, l’ex calciatore del San Paolo trovato decapitato ed evirato lo scorso 27 ottobre. L’uomo fermato è Eduardo Purkote, che avrebbe aiutato l’assassino Edison Brittes

BRASILE, NUOVE RIVELAZIONI SULL'OMICIDIO FREITAS: "SGOZZATO E TORTURATO"

OMICIDIO FREITAS, LE FOTO CON LA MOGLIE DELL'ASSASSINO

FREITAS UCCISO PER GELOSIA: "IN 4 CON UN MACHETE"

Giorno dopo giorno arrivano nuove notizie sull’omicidio di Daniel Correa Freitas, l’ex calciatore del San Paolo trovato decapitato ed evirato in Brasile lo scorso 27 ottobre. A commettere il macabro gesto Edison Brittes, imprenditore brasiliano reo confesso già tratto in arresto per avere ucciso Freitas dopo aver scoperto la relazione che lo stesso intratteneva con sua moglie. Oltre all’assassino, sono finiti dietro le sbarre anche Cristiana Brittes, la moglie di Edison con la quale Freitas è stato fotografato a letto, Allana Brittes, figlia dei due, e i complici dell’omicidio, Eduardo Henrique Ribeiro da Silva, Ygor King e David Willian da Silva. Nelle ultime ore è stata fermata anche un’altra persona: si tratta di Eduardo Purkote, giovane incriminato di aver partecipato all’assassinio del calciatore.

Il ruolo dell’ultimo arrestato  

Accuse pesanti quelle nei confronti dell’ultimo fermato, Eduardo Purkote: secondo quanto riportato da 'TN Online', per il giovane sono scattate le manette dopo accurate indagini. Ruolo importante nell’omicidio quello svolto da Purkote, accusato in particolare di aver aiutato a gettare a terra la porta della stanza in cui Freitas è stato fotografato a letto con Cristiana Brittes, di aver distrutto il telefono cellulare dell’ex San Paolo e di aver fornito a Edison Brittes il coltello da macellaio utilizzato per evirare ed uccidere il calciatore. Oltre ad aver fermato Freitas, gli inquirenti stanno seguendo anche altre piste. Nel garage dell’assassino è stata trovata una motocicletta – modello Honda CBR 1000R – di proprietà di Celso Alexandre Pacheco Quevedo, narcotrafficante già detenuto in carcere. Le forze dell’ordine vogliono verificare se Edison Brittes possa essere collegato in qualche modo al traffico di droga: un altro tassello di una vicenda a tratti impressionante.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche