Shakhtar Donetsk, l'Ucraina dà l'ok per tornare a giocare a Kharkiv

Calcio

Abrogata la legge marziale, la UEFA ha comunicato che la società ucraina potrà giocare il match di Europa League contro l'Eintracht Francoforte nello stadio di Kharkiv

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI LIVE

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

Un primo piccolo passo verso il ritorno alla normalità che, in casa Shakhtar Donetsk, significa poter tornare a giocare le partite internazionali nel 'suo' stadio di Kharkiv. Una decisione, questa, comuinicata dalla Uefa e resa possibile dopo l'abrogazione della legge marziale. Nell'ultima partita della fase a gironi di Champions League disputata contro il Lione, infatti, il club ucraino era stato costretto a giocare a Kiev in seguito all'introduzione della legge marziale della durata di 30 giorni, applicata dopo le nuove tensioni tra Russia e Ucraina dopo l'incidente tra la marina ucraina e quella russa nello stretto di Ker', tra il Mar d'Azov e il Mar Nero, dello scorso 25 novembre. Esilio adesso finito: la UEFA infatti ha reso noto che lo Shakhtar Donetsk potrà giocare la gara contro l'Eintracht Francoforte, valida per i sedicesimi di finale di Europa League e in programma il prossimo 14 febbraio, a Kharkiv, città dove disputa le partite casalinghe visto che  Donetsk – città natale del club – è stata sotto il controllo dei Separatisti sostenuti dalla Russia dal 2014. Esilio dunque terminato e un nuovo piccolo ma importante passo verso la normalità per lo Shakhtar Donetsk, che spera un giorno di poter tornare a giocare nel suo stadio, quella Donbass Arena danneggiata dai bombardamenti. In un intreccio tra calcio e politica che supera i confini del rettangolo di gioco.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.