Los Angeles Galaxy, Ibrahimovic dà l'esempio a Schelotto: "Riposare? Conta la mentalità, non l'età"

Calcio

Il nuovo allenatore dei Galaxy chiede allo svedese se vuole saltare qualche esercizio in allenamento per curare il suo corpo, ma Ibra dà l'esempio: "In questa squadra si corre e si soffre tutti insieme. Conta la mentalità, non l'età"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

IBRA, CONSIGLIO A KANE: "VUOI VINCERE? CAMBIA SQUADRA"

A 37 anni Zlatan Ibrahimovic si appresta a iniziare una nuova stagione. Per settimane ha meditato su un possibile ritorno al Milan, ma alla fine ha deciso di restare sotto il sole californiano e proseguire la sua esperienza a Los Angeles. L'anno scorso i Galaxy hanno fallito l'accesso ai playoff di MLS e per questo il club statunitense ha deciso di rinnovare la guida tecnica e affidarsi a un nuovo allenatore: Guillermo Barros Schelotto, reduce dal ko nella finale di Libertadores contro il River Plate. Ibra ha avuto periodi di alti e bassi con i suoi vecchi allenatori, precedenti che hanno sollevato l'attenzione su quello che sarebbe stato l'incontro con il nuovo manager della squadra. E a svelare i dettagli sul primo approccio è stato lo stesso attaccante svedese al termine dell'allenamento: "Mi ha chiesto cose del mio passato e mi ha dato la sua visione sulla fase offensiva, spiegandomi di voler essere più organizzato ed equilibrato tatticamente - ha detto l'ex United -. Penso che tutti conoscano la sua filosofia di gioco". Queste, però, non sono le uniche battute che si sono scambiati i due durante il lungo colloquio. Secondo quanto riportato da AS, infatti, Schelotto avrebbe offerto a Ibrahimovic la possibilità di saltare alcuni esercizi fisici per prendersi cura del suo corpo vista l'età avanzata. Di fronte a questa richiesta, l'attaccante ha tirato fuori quelli che sono i suoi tratti caratteristici e che lo hanno contraddistinto per tutta la sua carriera: leadership e sicurezza nei propri mezzi. "Se la mia squadra corre, corro anch'io. Se la mia squadra soffre, soffro anch'io - ha risposto il centravanti classe '81 -. La mia età non è importante, ciò che conta è la mia mentalità ed è a prova di proiettile". Il solito Ibra, dunque, e se qualcuno avesse dubbi su come lo svedese reagisca al passare degli anni, può guardare l'ultima prodezza sfornata in allenamento per ricredersi: uno scavetto per penetrare individualmente tra i difensori avversari e poi l'allungo con il piedone per anticipare il portiere e andare in rete. Un talento che nessuna carta d'identità può scalfire.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche