Boca Juniors, Tevez: "Questo è il mio ultimo anno di contratto, ma potrebbe esserlo anche da calciatore"

Calcio

L'Apache attacca l'ormai ex allenatore del Boca: "Mi ha mancato di rispetto in più di un'occasione, ma sono stato calmo per il bene del club. Ha comprato Zarate solo per farmi fuori". Poi aggiunge: "Questo potrebbe essere il mio ultimo anno"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

BOCA, BENEDETTO L'HA RIFATTO: GOL E LINGUACCIA

Il 9 dicembre 2018 è stata una data che ha segnato tutto il calcio argentino. Sebbene il teatro fosse quello spagnolo del Santiago Bernabeu, il River Plate è entrato nella storia del futbol sudamericano, vincendo per 3-1 il SuperClasico di ritorno contro il Boca Juniors e trionfando così nella Copa Libertadores. La "sfida del secolo" l'ha definita più di qualcuno e con piena ragione: tifosi e giocatori biancorossi, infatti, non smettono di festeggiare, mentre chi sta dall'altra parte di Buenos Aires ripensa ancora con rammarico a quella finale. Tra questi c'è anche Carlitos Tevez. "È una ferita ancora aperta - ha detto l'Apache ai microfoni di Tyc Sports -. Un dolore che ancora non mi passa". Dopo quella sconfitta, il Boca ha deciso di effettuare una piccola rivoluzione, cambiando la guida tecnica. Schelotto è passato ai Los Angeles Galaxy di Ibra, con Alvaro a prendere il suo posto in panchina. Nonostante la separazione, però, Tevez ha ancora qualcosa da ridire contro il suo vecchio allenatore: "Se fosse rimasto lui, me ne sarei andato io - ha spiegato l'attaccante -. Ho subito tante volte mancanza di rispetto da parte sua. Ci siamo sempre parlati e detti le cose in faccia, ma per il bene del club sono rimasto calmo, pensando solo ad aiutare i miei compagni. Ho sempre combattuto per il posto in squadra, non sono mai arrivato in ritardo né ho mai reagito male. E per amore del Boca ho sopportato anche giocare solo cinque o dieci minuti, una cosa che in un'altra squadra non avrei mai tollerato". Un'altra mossa che all'ex Juve non è andata giù è stata l'acquisto di Mauro Zarate: "L'ha comprato solamente per far fuori me - ha aggiunto -. Vedi che è un giocatore è un idolo nel suo club e fai di tutto per sostituirlo. Prendi qualcuno per farlo giocare al suo posto e mi mandi subito in panchina. Si capisce che era un segnale nei miei confronti". Per sua fortuna, però, Schelotto è andato via. Ora a guidare gli Xeneizes c'è Gustavo Alfaro. "Sta cercando di restituirmi la gioca di giocare a calcio, di farmi sentire importante - ha affermato l'attaccante argentino, ammettendo che il momento del ritiro si sta avvicinando -. Credo che quest'anno potrei chiudere la mia carriera. È l'ultimo anno del contratto, ma potrebbe esserlo anche da calciatore a tutti gli effetti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.