Marchisio campione di Russia: lo Zenit San Pietroburgo pareggia e vince il sesto titolo

Calcio

Il centrocampista italiano conquista per la prima volta il campionato russo (ottavo "scudetto" di fila compresi quelli alla Juve): lo Zenit San Pietroburgo pareggia a Grozny e, in virtù della sconfitta della Lokomotiv Mosca, si laurea campione per la sesta volta nella propria storia

CELTIC, OTTAVO SCUDETTO CONSECUTIVO: È IL 50°

Cambiano i Paesi, ma non le abitudini. Claudio Marchisio prosegue la sua striscia vincente e si laurea campione anche in Russia. Allo Zenit, infatti, basta il pareggio per 1-1 contro l'Akhmat per conquistare l'aritmetica certezza del successo con tre giornate d'anticipo. Per il Principino è l'ottavo "scudetto" di fila. Anche andando via dalla Juve, dunque, il centrocampista non ha perso il feeling con la vittoria ed ha contribuito a riportare il titolo nazionale a San Pietroburgo quattro anni dopo l'ultima volta. Per il club russo è il sesto campionato vinto nella propria storia (compreso il precedente campionato sovietico del 1984). Nella sfida disputata a Grozny, lo Zenit si è spaventato dopo lo svantaggio ad opera di Lima ma, a tre minuti dal termine, il pari definitivo di Driussi ha regalato ai suoi il 58° e decisivo punto di stagione. Un paio d'ore dopo, infatti, la sconfitta per 2-0 della Lokomotiv Mosca in casa dell'Arsenal Tula ha regalato l'aritmetica, in virtù del +9 in classifica e il vantaggio negli scontri diretti a favore dei ragazzi di Semak - successo per 5-3 all'andata e pari 1-1 nella sfida di ritorno -. Marchisio, nonostante il finale sfortunato che lo ha costretto a restare fermo da due mesi per infortunio, chiude la stagione con l'ennesimo trionfo della sua carriera. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.