Mario Jardel, rivelazione shock: "Mi drogavo in vacanza per evitare controlli antidoping"

Calcio

Considerato uno degli attaccanti più prolifici tra gli anni Novanta e Duemila, l'ex giocatore brasiliano ha confessato al canale YouTube "Philado" il suo difficile passato tra vizi e dipendenze: "Sono entrato nel mondo della droga quando giocavo in Europa. La consumavo regolarmente in vacanza perché durante la stagione sarei stato fermato dall'antidoping. Oggi me ne sono liberato: lavoro perché i giovani non commettano i miei stessi errori"

CALCIOMERCATO LIVE: TUTTE LE NOTIZIE

PLATINI IN CUSTODIA CAUTELARE PER CORRUZIONE

LE NEWS DI SKY SPORT SU WHATSAPP

Non era più il bomber dalle reti a raffica quello transitato all’Ancona nel 2004, tre presenze e 203 minuti in Serie A ad anticipare il declino della carriera. E pensare che Mario Jardel, ex centravanti brasiliano classe 1973, aveva fatto sfracelli in Europa tra gli anni Novanta e Duemila: gol a non finire con Porto, Galatasaray e Sporting Lisbona, oltre 200 centri segnati vincendo due volte la Scarpa d’Oro (1999 e 2002) e arrivando a guadagnarsi la Seleçao. Già bestia nera del Milan, punito 4 volte in 5 gare di Champions, il giramondo Jardel si è ritirato nel 2012 senza mai fare mistero sui problemi con vizi e dipendenze. Lo ha ribadito lui stesso al canale YouTube "Philado", confessione dettata dal desiderio che i giovani non commettano i suoi stessi errori.

Jardel: "Mi drogavo in vacanza per evitare l'antidoping"

"Sono entrato nel mondo della droga per curiosità quando giocavo nei club in Europa - ha raccontato Jardel -, ho incontrato alcune persone e me l’hanno offerta. Ho iniziato a consumarla regolarmente quando ero in vacanza perché durante le competizioni ci sarebbero stati i controlli antidoping". Un problema che, a detta dell’ex giocatore, può coinvolgere i protagonisti del mondo del calcio senza che se ne accorgano: "Hai un sacco di soldi e ci sono molte trappole, amicizie, tentazioni e curiosità intorno". Il tunnel della droga sembra fortunatamente appartenere al passato a detta di Jardel: "Oggi me ne sono liberato e mia moglie è stata essenziale per riuscire a farlo. La ringrazio perché è stata sempre al mio fianco. Quando andavo alle feste veniva spesso anche lei perché in quegli ambienti è più probabile che tu finisca per drogarti, specialmente dopo aver bevuto. Ora voglio dare ai miei figli una buona immagine e fare lavori sociali affinché i giovani non commettano gli errori che ho commesso in passato". Un obiettivo per chi ha lasciato il segno in Europa a suon di gol, parabola macchiata a causa dei problemi personali.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.