Russia, Kokorin e Mamayev scarcerati: erano stati condannati per rissa

Calcio

Condannati a maggio per il coinvolgimento in alcune risse, i due calciatori russi sono stati scarcerati. "Ai fini della loro correzione, non è necessario che scontino la pena per intero", la decisione del tribunale distrettuale di Belgorod

KOKORIN E MAMAEV, PARTITELLA IN CARCERE A BELGOROD

KOKORIN E MAMAEV CONDANNATI PER AGGRESIONE

I nazionali russi Alexander Kokorin (attaccante dello Zenit San Pietroburgo) e Pavel Mamayev (centrocampista del Krasnodar) sono usciti di prigione dopo aver scontato parte della condanna per il coinvolgimento in alcune risse. I due erano stati arrestati ad ottobre dello scorso anno per aggressioni perpetrate nel parcheggio di un hotel di Mosca ed in un locale pubblico. Vittime dei due, un funzionario del Ministero dell'Industria di origine coreana, Denis Pak, e un autista. A maggio Kokorin era stato condannato a 18 mesi di carcere, Mamayev a 17. Un tribunale distrettuale nella regione occidentale di Belgorod ha stabilito che "ai fini della loro correzione, non è necessario che scontino la pena per intero", oltre che per il tempo trascorso in carcerazione preventiva, anche in considerazione della buona condotta tenuta dietro le sbarre.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche