Pallone d'Oro, Van Dijk punge Cristiano Ronaldo. La sorella sui social: "Sei un frustrato"

Calcio

Battuto per 7 punti da Messi nella corsa al Pallone d'Oro, il difensore del Liverpool aveva lanciato una stoccata a Ronaldo assente alla cerimonia: "Così ho più possibilità di vincere? Perché, CR7 era un rivale?". Furiosa la replica attraverso Instagram della sorella del portoghese, Katia Aveiro: "Esistono persone frustrate. Caro Virgil, devi vincere i titoli che contano davvero e poi parleremo. Quando ne avrai davvero importanti, potresti sederti al tavolo con Cristiano"

Non l’avesse mai detto: bufera sui social all’indirizzo di Virgil Van Dijk, difensore del Liverpool battuto al fotofinish da Messi nella corsa al Pallone d’Oro. Solo 7 punti hanno separato Leo (al 6° trionfo nel premio targato France Football) dal 28enne olandese, protagonista anche a margine della cerimonia a Parigi. Interpellato sull’assenza di Cristiano Ronaldo, Van Dijk lo aveva stuzzicato a distanza: "Non è venuto e ho più possibilità di vincere? Perché, era un rivale per la vittoria?". Se il portoghese era invece presente al Gran Galà del Calcio, dove si è aggiudicato il premio di miglior giocatore della scorsa Serie A, in sua difesa si era già scagliato l’agente Jorge Mendes: "Non è andato a Parigi? Cristiano resta il miglior giocatore di sempre". Decisamente più furiosa la reazione della sorella del portoghese, Katia Aveiro, attacco nei confronti di Van Dijk direttamente sui social.

"Quando vincerai come lui potrai parlare"

E pensare che Van Dijk aveva spiegato il senso delle sue parole: "Se non seguite i social media ma ascoltate l’intera intervista, allora sapreste che ho fatto uno scherzo. E che ho solo rispetto per quei due (Messi e Ronaldo, ndr)". Poco cambia per Katia Aveiro dal lungo post su Instagram: "Ci sono persone frustrate, che vivono fuori dalla realtà e senza umiltà", l’esordio del messaggio accompagnato dalla celebre foto del fratello che segna in rovesciata a Torino durante Juve-Real Madrid. Una replica furiosa proseguita con l’appello in prima persona: "Caro Virgil, dove stai andando? Cristiano Ronaldo è già andato ed è venuto mille volte. Vedi, mio caro Virgil, Cristiano ha trionfato tre volte nel Paese in cui giochi da anni, lì è stato il miglior giocatore e marcatore, mentre tu non hai ancora vinto la Premier. A proposito, a quel tempo era anche più giovane di te". Tutto qui? Manco per idea nello sfogo di Katia Aveiro: "E caro Virgil, Cristiano è andato in altri Paesi ed è diventato il più grande giocatore nella storia di un piccolo club: Real Madrid, ti dice qualcosa? Forse sì, perché ti ha persino battuto in una finale di Champions. Di Coppe di quel tipo Ronaldo ne ha già 5. E sempre Ronaldo ha schiacciato la tua "arancia" in finale (riferimento alla Nations League, ndr). È stato difficile, Virgil? Abbiamo pietà. E, caro Virgil, in uno dei periodi meno vincenti della sua carriera, Cristiano ha vinto ancora più titoli di te. Fantastico, vero? Ora, Virgil, devi vincere i titoli che contano davvero e poi parleremo. Quando ne avrai una manciata, davvero importanti, potresti sederti al tavolo con Cristiano. O, come si dice al nostro paese, cresci e fatti vedere. E per me Cristiano è e sarà sempre il miglior giocatore del mondo".

I più letti di calcio