Decreto Salvini, diritti tv solo alle società di Serie A e di B con bilanci certificati

Calcio
salvini_getty

Nel decreto Salvini su sicurezza e immigrazione è inserita anche una norma in cui si chiede di certificare i bilanci delle squadre di calcio di Serie A e B. Dalla prossima stagione, per accedere alla spartizione dei diritti tv, servirà dunque avere i conti in ordine. E' una proposta "seria e moralizzatrice", fanno sapere fonti governative

TUTTE LE PROBABILI FORMAZIONI IN CAMPO

I CONTI NON TORNANO: 153 LE SQUADRE NON ISCRITTE AI CAMPIONATI NEGLI ULTIMI 15 ANNI

C’è anche una norma sulla certificazione dei bilanci delle squadre dei campionati di calcio di A e B nel decreto Salvini su sicurezza ed immigrazione. Il testo uscito dal Cdm contiene infatti un articolo - che non è stato indicato dal Viminale - in base al quale, a partire dalla prossima stagione, potranno accedere "alla ripartizione della quota dei diritti audiovisivi" solo le società di A e B che avranno sottoposto i propri bilanci ad una società di revisione soggetta alla vigilanza della Consob.

L'articolo in cui è contenuta la norma è il 41, l'ultimo prima del 'Capo IV' in cui sono indicate le coperture finanziarie e l'entrata in vigore del provvedimento: del testo non c'era traccia nelle bozze circolate nei giorni scorsi. "A partire dalla stagione sportiva 2019-2020 - si legge nel testo - possono accedere alla ripartizione della quota dei diritti audiovisivi da assegnare ai partecipanti ai campionati di calcio di serie A e B solo le società, quotate e non quotate, che abbiano sottoposto i propri bilanci alla revisione legale svolta da una società di revisione iscritta nel registro dei revisori contabili, la quale, limitatamente a tali incarichi, è soggetta alla vigilanza della Commissione nazionale per le società e la borsa", vale a dire la Consob. Incarichi che, si legge ancora nel testo "hanno la durata di tre esercizi e non possono essere rinnovati o nuovamente conferiti se non siano decorsi almeno tre anni dalla data di cessazione dei precedenti".

L'articolo 41 contiene altri due commi: il 2 stabilisce che dall'attuazione delle disposizioni previste "non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica" mentre il terzo comma introduce una serie di "disposizioni urgenti" in materia di giustizia amministrativa in ambito sportivo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche