Kokorin e Mamaev, la galera costa cara: 400 rubli al giorno per palestra e doccia extra

Calcio

I due calciatori alla sbarra per aver picchiato un alto funzionario del Ministero del Commercio russo: 2 mesi di carcere preventivo prima del processo. Hanno chiesto allenamenti in palestra e doccia extra: dovranno pagare circa 50 euro al giorno

COSA RISCHIANO KOKORIN E MAMAEV?

PAPÀ KOKORIN: "SA DI AVER SBAGLIATO"

Chiusi nella sezione 2 del carcere di nel carcere di Butyrka, a Mosca. Lì fino all’8 dicembre in regime di carcere preventivo. Ieri stelle del calcio russo oggi galeotti, tutto per quei bicchieri di troppo e per quell’aggressione in un bar a un alto funzionario del Ministero del Commercio russo Denis Pak. Ripercussioni per Alexandr Kokorin e Pável Mamáev, autori del pestaggio? Tantissime: sulle loro vite in primis, sulla loro immagine ma anche sulla rispettiva carriera nel mondo del calcio. In attesa del giudizio definitivo i mesi di carcere sono due, decisione dei giudici, che hanno rifiutato la liberà vigilata o l’uscita su cauzione. La prospettiva, a questo punto, è una sola: rimanere a Butyrka e sperare in un esito positivo del processo.

Palestra e doccia

Nel frattempo c’è la vita quotidiana che deve andare avanti, compreso l’allenamento necessario per uno sportivo professionista. Come riporta in Spagna As i due calciatori hanno fatto richiesta di allenarsi, per non perdere quella forma fisica necessaria nel loro lavoro. Ma c’è un evidente problema: le regole di Butyrka non lo permettono. Stando all’istituto i prigionieri possono infatti accedere alla palestra per massimo un’ora al giorno e, altro guaio non da poco, la doccia è permessa una sola volta la settimana. Soluzione? Pagare: quei soldi che certo non mancano al duo Kokorin-Mamaev e che sborseranno circa 400 rubli (sui cinquanta euro) al giorno per allenarsi e lavarsi come confermato alla stampa locale da Iván Mélnikov, segretario della commissione per i diritti dei carcerati.

Zenit e Krasnodar

Allenarsi, sì. Ma a che scopo? Una volta chiusa (e se si chiuderà a breve) la vicenda, cosa ne sarà dei contratti dei due giocatoti? Lo Zenit, squadra di Kokorin, non ha ancora specificato quale sarà la punizione verso il suo attaccante. "Siamo indignati e aspettiamo le indagini delle autorità competenti. Ci vergogniamo per quanto accaduto. Ci sarà una punizione per il giocatore”. Ma intanto la sua maglia non è più in vendita in nessuno store ufficiale e la sua immagine è stata cancellata dai canali Youtube della squadra. Il Krasnodar di Mamaev, al contrario, ci è andato molto più pesante, specificando che il contratto del giocatore verrà rescisso a qualsiasi costo: "Ciò che abbiamo visto nel video è oltraggioso, stiamo studiando le modalità per rompere l’accordo". Per Pável, allora, allenamento doppio: una volta fuori da Butyrka dovrà cercarsi una nuova squadra.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche