Italia, Mancini: "Voglio vincere Europeo e Mondiale, con questi giovani tutto è possibile"

Calcio
(lapresse)

Il Ct Azzurro alla Gazzetta dello Sport: "Vincere Europeo e Mondiale è il mio programma. Ai giovani serve spazio, al momento forse solo la Francia è più avanti di noi". Sull'Under 21: "Belgio insidioso, ma la squadra di Di Biagio è forte. Zaniolo? Da quanto è arrivato in Nazionale è cambiato, sta migliorando". Su Conte all'Inter: "Può farcela a vincere"

U21, L'ITALIA SI QUALIFICA SE...

DI BIAGIO: "OBBLIGATORIO CREDERCI"

ITALIA-BELGIO, LE PROBABILI FORMAZIONI

"Il mio programma? È vincere Europeo e Mondiale". Ha le idee chiare e non vuole porsi limiti, Roberto Mancini. Il Ct della Nazionale sogna in grande: "Dobbiamo fare dei punti per migliorare ulteriormente il ranking - ha raccontato in un’intervista a Walter Veltroni per la Gazzetta dello Sport - Abbiamo un anno, prima dell’Europeo, in cui dobbiamo cercare di migliorare molto. In questi dodici mesi possiamo poi trovare qualcuno che ancora non è venuto fuori. Capita spesso. Sono contento per come i ragazzi si comportano, per quello che fanno. Sono contenti quando vengono in Nazionale, si divertono, e questo è molto importante. Il mio programma è vincere gli Europei e vincere i Mondiali. Non so se le altre Nazionali sono d’accordo. Però il nostro pensiero comune è questo. Anche perché l’Italia non vince gli Europei dal ’68, è ora di farlo". Azzurri, primi nel girone di qualificazione all’Europeo, all’insegna dei giovani: "Purtroppo da un po’ di tempo non diamo loro tanto spazio, magari andiamo a prendere giocatori dall’estero che non valgono quanto i nostri. Vorrei scegliessimo i più forti per migliorare la squadra. Magari può capitare un momento senza fenomeni come Totti, Del Piero... Però i giocatori bravi sono sempre usciti, avevo fiducia. Poi, guardi, nel mondo gli unici due fenomeni sono Messi e Ronaldo che, comunque, stanno andando verso una certa età. Non ci sono più squadre inarrivabili. Forse solo la Francia è un po’ più avanti perché è una squadra giovane, è campione del mondo. Però le altre stanno ricostruendo. Per questo non dobbiamo precluderci nessun obiettivo. Si può, nulla ce lo proibisce".

"Zaniolo è cambiato. In Nazionale vorrei un Totti"

A proposito di giovani, l’Under 21 spera nella qualificazioni alla fase a eliminazione diretta dell’Europeo di casa: “La squadra è forte, perché molti dei suoi giocatori giocano spesso nelle squadre di A. È un fatto decisivo. Però incontrerà giocatori, quelli del Belgio, che giocano quasi tutti nelle Coppe europee, a differenza di molti dei nostri. La differenza può essere quella”. Su Zaniolo, poi, lanciato in Azzurro proprio da Mancini: “Lui sta conoscendo una pressione eccessiva - ha proseguito - hanno persino iniziato a paragonarlo a Totti, che non c’entra proprio niente. Lui, anche per il ruolo, è totalmente diverso. Poi a lui è capitato tutto così all’improvviso. Non aveva mai giocato in serie B, tantomeno in serie A. Il suo talento gli ha fatto fare il salto, all’improvviso. Perciò è stato normale che negli ultimi mesi avesse un calo, sia fisico che psicologico. Roma non è una città semplice dove giocare. Però lui ha qualità e in sei mesi è migliorato. Dalla prima volta che l’ho chiamato a Coverciano è un altro giocatore”. Proprio Totti sarebbe una pedina fondamentale per la Nazionale attuale, a detta di Mancini: “C’è una lunga lista di giocatori incredibili, ma prenderei Totti. Per come è la nostra squadra oggi, per la sua natura tattica e tecnica, prenderei lui. La completerebbe”.

"In Serie A serve lotta al vertice. Conte? È l'uomo giusto"

Il Ct ha poi parlato del campionato, a cominciare dallo strapotere della Juventus: “Un po’ sì, questo abbassa la tensione agonistica - ha proseguito - Se ci sono due o tre squadre che lottano al vertice fino alla fine è chiaro che la qualità sale. E anche la pressione che c’è sui giocatori. Quando giochi sotto pressione maturi, non c’è niente da fare. Non sono le amichevoli che fanno i calciatori, sono le partite con la posta in gioco. Ogni partita è un miglioramento, ogni allenamento è un miglioramento. E se ti prepari perché devi assolutamente vincere, migliori di certo”. Capitolo Inter, squadra che Mancini conosce bene: “L’Inter può fare qualsiasi cosa - ha ammesso - può battere squadre più forti e perdere con le squadre più deboli. Io ho avuto giocatori bravi. Alla fine, se hai giocatori bravi, il compito è quello di riuscire a metterli insieme il più velocemente possibile e dargli le motivazioni giuste . Penso che Conte possa farcela, perché adesso mi sembra che anche la società si sia assestata, che si vada nella direzione giusta. Non è semplice secondo me trovare giocatori che facciano fare il salto di qualità. Non è semplice visto che li prendono tutti Real Madrid, Barcellona, Manchester United. Quelli che hanno capacità di spendere, che hanno fatturati incredibili rispetto agli italiani. È un peccato che giocatori come Hazard non giochino in Italia”. Una battuta finale sul calcio femminile, che sta vivendo un’evoluzione importante: “Le ragazze sono migliorate molto. Quando hanno iniziato c’era un gap che oggi si è molto ridotto. Prima si allenavano due o tre volte a settimana, ora possono farlo come principale impegno. E mi auguro sia sempre così. Negli altri stati da una vita si allenano tutti i giorni. Hanno strutture uguali per uomini e donne. Infatti si vede. Però secondo me la squadra italiana ha un buon livello tattico, migliore delle straniere, e può riservarci belle sorprese”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche