Olanda, Sneijder annuncia il ritiro dal calcio giocato. Farà il dirigente

Calcio
sneijder

A 35 anni si ritira uno degli eroi del Triplete interista 2010. C'è già l'accordo con l'Utrecht, di cui diventerà dirigente. Trequartista moderno tra i migliori della sua generazione, cambiò il volto all'Inter di Mourinho e trascinò l'Olanda alla finale Mondiale

CALCIOMERCATO LIVE: TUTTE LE NEWS

PERISIC AL BAYERN, LE VISITE MEDICHE

IL TABELLONE DEL MERCATO

Wesley Sneijder ha dato l'addio al calcio giocato. A 35 anni si ritira dunque un altro degli eroi del Triplete interista 2010. A dare la comunicazione ufficiale è stato l'FC Utrecht, annunciando che l'ex fantasista olandese entrerà a far parte della dirigenza del club.

Si chiude così, dopo i 18 mesi passati in Qatar all'Al-Gharafa, la carriera di uno dei migliori giocatori della sua generazione, capace di vincere in 4 Paesi diversi, dai titoli con l'Ajax (il club in cui è cresciuto) alla Liga (più Supercoppa di Spagna) nel biennio passato al Real Madrid, prima di approdare all'Inter nell'estate 2009, cambiando il volto alla squadra di Mourinho, e di lasciare il segno anche in Turchia, al Galatasaray (altri due "scudetti"), dopo la rottura con il club nerazzurro. Nizza e Al-Gharafa le ultime tappe della sua avventura, per un totale di 6 maglie indossate in carriera, alle quali si aggiunge naturalmente quella Oranje della nazionale (134 presenze, recordman olandese, e 31 gol), con il picco della finale Mondiale 2010 persa contro la Spagna dopo uno straordinario cammino che lo vide protagonista ma che inspiegabilmente non bastò a candidarlo al Pallone d'Oro (finito tra le mani di Messi, nonostante Sneijder fosse anche reduce dal Triplete con l'Inter).

Con i club, 559 partite in tutto e 147 reti, ma sono i tre anni e mezzo all'Inter (2009-gennaio 2013: 116 presenze e 22 gol) ad averlo reso un idolo dei tifosi nerazzurri, che ancora ricordano i suoi assist, le sue conclusioni dalla distanza (sia di destro che di sinistro) e la visione di gioco che ne hanno fatto uno dei migliori trequartisti del calcio moderno. Qualità che ora, da dirigente, metterà a disposizione dell'Utrecht, squadra della sua città natale in cui curiosamente non ha mai giocato. "Il mio amore per la città di Utrecht è grande", le sue prime parole. "Spesso con Frans van Seumeren abbiamo parlato di un mio possibile approdo qui, e ora che abbiamo messo nero su bianco non vedo l'ora di iniziare una grande stagione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche