Rustu positivo al Coronavirus: la leggenda del calcio turco è in ospedale

Coronavirus

Dopo Fatih Terim, un altro personaggio che ha fatto la storia della nazionale turca è risultato positivo al Covid-19. A comunicarlo è la moglie attraverso un post su Instagram: "Mio marito è stato ricoverato. Io e i miei figli siamo risultati negativi e non possiamo stare con lui in ospedale"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Un altro brutto colpo per il calcio turco: dopo la leggenda Fatih Terim un altro idolo assoluto che ha fatto la storia di quella nazionale è risultato positivo al Coronavirus. Si tratta di Rustu Recber, 46 anni ed ex portiere di Fenerbahce, Barcellona e Besiktas. 120 presenze nella nazionale maggiore tra il 1994 e il 2012, per l'ex numero uno divenuto famoso anche per il suo stile molto eccentrico tra i pali: c'era lui in porta nello storico Mondiale del 2002 nel quale la Turchia ha terminato al terzo posto.

"Mio marito è in ospedale, io e i miei figli non possiamo stare con lui"

A comunicare le condizioni di salute di Rustu è stata la moglie che, attraverso un post su Instagram, ha spiegato come il marito sia attualmente ricoverato in ospedale a causa dei sintomi del Covid-19: "Vorrei darvi altre buone notizie condividendo la verità nel modo più trasparente, ma purtroppo mio marito Rustu è stato ricoverato in ospedale con la diagnosi di Covid-19. La mia unica richiesta è che le persone possano essere un po' più coscienziose e rispettose in questo processo: nei test che abbiamo fatto, i miei figli sono negativi e solo mio marito è risultato positivo. Per questo motivo siamo a casa e non c'è permesso di andare in ospedale. In effetti, la cosa più difficile è non stare con lui in questo momento. Si è affidato ad Allah prima e poi ai medici turchi, sperando che passi tutto questo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche