Higuain: "In MLS mi diverto a giocare, in Europa dovevo sempre dimostrare qualcosa"

Calcio

L’attaccante dell’Inter Miami ha spiegato i motivi che l’hanno convinto a lasciare la Juventus e trasferirsi negli Stati Uniti: "In Europa non ti danno il tempo di giocare e divertirti, ho dovuto sempre dimostrare qualcosa e c’è troppa pressione. Qui sono rilassato e felice"

DINAMO KIEV-JUVE LIVE

La nuova vita di Gonzalo Higuain è in MLS, dov’è diventato il volto dell’esordiente Inter Miami. In un’intervista concessa al podcast Que Golazo della CBS, l’argentino ha spiegato le ragioni che l’hanno spinto ad accettare il trasferimento negli Stati Uniti: "Sono sempre stato curioso di giocare in questo campionato e ho voluto raggiungere mio fratello. Ho visto molti attaccanti e giocatori di livello venire qui, era una situazione interessante. Ho voluto avere anche meno pressione mediatica, questa è una lega che sta crescendo, un bel posto dove finire la carriera. L'Inter Miami mi ha dato tutte queste opportunità. Sono felice e spero che sia l'inizio di una bella esperienza, voglio divertirmi come quando ero giovane, in Europa avevo perso la gioia di giocare per diverse circostanze, su tutte la pressione elevata". Il Pipita non ha gradito essere messo sempre in discussione. "Ogni giorno dovevo dimostrare cosa avessi fatto per tutta una carriera, non ti danno il tempo di giocare e divertirti. Ho sempre avuto un'ottima reputazione, penso di non aver mai avuto bisogno di dimostrare qualcosa. Qui invece sono rilassato e felice", ha proseguito.

La Juventus, il coronavirus e il ritiro

vedi anche

Primo gol in Mls per Higuain: che punizione! VIDEO

Higuain ha speso anche qualche parola sulla Juventus: "Ho giocato tre anni lì e hanno sempre aggiunto nuovi giocatori. Ora c'è anche un altro allenatore. Spero che facciano bene e sarò sempre felice per i loro successi". L’argentino ha raccontato poi le difficoltà personali, derivate dalla pandemia: "Sono stato molto demotivato, non volevo allenarmi e non ero sicuro nemmeno di continuare a giocare. Per questo ho pensato che questa lega sarebbe stata una cosa positiva per me". Compirà 33 anni a dicembre, ma è ancora presto per parlare di ritiro. "Non so quando smetterò, vedremo quanto regge il fisico poi è qualcosa che senti dentro. Finché sento quel fuoco, continuerò a giocare. Ora mi sento motivato e ripongo ottime aspettative in questa nuova squadra, sono felice di dare il mio contributo per farla crescere. In Europa bisognava tenere sempre altissimo il livello per continuare a vincere, invece qui è il contrario, sono in una squadra che parte da zero" ha concluso Higuain.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche