Argentina Venezuela 1-3: torna Messi, gol di Lautaro ma Seleccion ko in amichevole

Calcio

Amichevole da dimenticare per la nazionale di Scaloni al Wanda Metropolitano nel giorno del rientro del numero 10 del Barcellona: Rondon, Murillo e Martinez stendono l'Albiceleste, a segno Lautaro Martinez

INFORTUNIO MESSI: SALTA IL MAROCCO

ARGENTINA, IL TRIBUTO SOCIAL PER IL RIENTRO DI MESSI IN NAZIONALE

LAUTARO, IN NAZIONALE SULLA SPINTA DEL DERBY DI MILANO VINTO

Nella serata del ritorno di Lionel Messi in nazionale, l'Argentina cade in amichevole per 1-3 al Wanda Metropolitano di Madrid contro il Venezuela. Inutile per la Selección la rete di Lautaro Martinez.

Messi, ritorno amaro: l'Argentina balla troppo in difesa, il Venezuela la punisce

Il ritorno in nazionale dopo quasi nove mesi di assenza non è quindi andato come Leo Messi - con un look nuovo, senza barba - desiderava. Il recordman per gol segnati con l'Argentina non è andato a segno, ma a steccare è stata tutta la squadra di Lionel Scaloni. Schierata con il 3-4-2-1, con Foyth, Mercado e Lisandro Martinez davanti ad Armani, Lo Celso e Paredes in mezzo al campo e Gonzalo Martinez ad affiancare la Pulga alle spalle di Lautaro Martinez, l'Argentina è stata a freddo da Salomon Rondon al 6': controlla dopo un buco di Mercado su assist in profondità di Roberto Rosales e firma l'0-1. Dopo un'occasione per il raddoppio per il centravanti del Newcastle, al 44' è Jhon Murillo a trovare il bis per la Vinotinto. Ingresso in area da sinistra, diagonale preciso e palla alle spalle di Armani. Scaloni prova a scuotere i suoi nell'intervallo inserendo Kanemann, Matias Suarez e Blanco per Lisandro, Mercado e Gonzalo Martinez, ma il centro dell'interista Lautaro Martinez al 58' (freddo davanti a Farinez con un preciso piatto sinistro su perfetto filtrante di Lo Celso) servirà a poco. Al 75' l'Argentina paga un altro buco in difesa: Foyth stende Josef Martinez in area e dal dischetto lo stesso numero 17 non sbaglia e firma il definitivo 1-3, regalando al Venezuela una serata di gioia. L'AFA (la Federcalcio argentina) aveva chiesto a Messi sui social di prendere per mano un'altra volta la Selección, ma almeno per ora, per Leo la storia con l'Argentina è ripresa così come era finita nei Mondiali di Russia: a testa bassa, mentre gli avversari festeggiano.

(Getty)
(Getty)

I più letti di calcio