Kokorin e Mamaev, partitella in carcere nella prigione russa di Belgorod

Calcio

I due calciatori, condannati a 18 e 17 mesi di carcere dopo la violenta aggressione dello scorso ottobre, stanno scontando la pena nell'istituto penitenziario di Belgorod. Dove oggi hanno trascinato la squadra del carcere in una partitella contro un club di terza divisione russa

RUSSIA, KOKORIN E MAMAYEV SCARCERATI

RUSSIA, KOKORIN E MAMAEV CONDANNATI PER AGGRESIONE

KOKORIN E MAMAEV ARRESTATI

Cinque contro cinque, con il terreno di gioco che è quello che è, davanti a un buon pubblico di curiosi. Sembra una partitella delle tante: eppure, siamo nell'istituto penitenziario di Belgorod, Russia occidentale, e fra i dieci giocatori in campo ci sono Alexander Kokorin e Pavel Mamaev. Non certo da guest stars, perché i due ex Zenit e Krasnodar, con un rispettabile trascorso nella nazionale russa, lo scorso maggio sono stati condannati rispettivamente a 18 e 17 mesi di carcere. Stanno scontando la pena e oggi hanno giocato per la rappresentativa della colonia correttiva n.4 contro il Saljut Belgorod, club di terza divisione russa. Un'amichevole senza dubbio singolare. Kokorin e Mamaev hanno dimostrato di non aver perso lo smalto trascinando la loro squadra sul 4-2 finale: un gol per l'attaccante, tripletta per il centrocampista tra cui quello nel video sopra, nato da una combinazione con lo stesso Kokorin. Come riporta la testata locale RIA Novosti, l'evento ha richiamato ben 56 giornalisti accreditati sugli spalti improvvisati. D'altra parte, non capita tutti i giorni di poter vedere all'opera due 'carcerati professionisti'. Ma facciamo un passo indietro, ricordando i fatti che hanno portato i due calciatori dalla Prem'er Liga russa al campetto della prigione.

L'aggressione in un bar di Mosca

La premessa è che Kokorin e Mamaev sono amici di lunga data anche fuori dal campo e ben noti per alcuni atteggiamenti sopra le righe: dopo il flop dell'Europeo 2016, i due calciatori sono stati trovati a Montecarlo con un conto di 300mila euro e circondati di bottiglie di champagne. L'anno successivo, l'attaccante classe '91 fece scalpore per aver sparato con una pistola durante un matrimonio di un amico. Ma tutto cambiò veramente lo scorso 10 ottobre, quando Kokorin e Mamaev furono arrestati per aver picchiato in un bar della capitale un alto funzionario del Ministero del Commercio russo, Denis Pak, aggredendo anche altre due persone tra cui l'autista della giornalista televisiva Olga Ushakova. I giudici avevano subito rifiutato l'uscita su cauzione o la libertà vigilata per i due calciatori, sottoponendoli da subito a un regime di carcere preventivo. Anche le carriere di Alexander e Pavel ne furono stravolte, con il Krasnodar che ha subito rotto con il centrocampista seguito poi dal club di San Pietroburgo con l'attaccante. Nel frattempo i due hanno cercato di tenersi in allenamento, chiedendo a proprie spese palestra e doccia extra durante il periodo di reclusione. Tre mesi fa la condanna definitiva da scontare nel carcere di Belgorod. Da dove Kokorin e Mamaev cercano di ripartire ancora una volta, attraverso il pallone.

I più letti di calcio