Los Angeles Galaxy, tripletta e record di gol per Zlatan Ibrahimovic

Calcio

Lo svedese segna tre reti nel 7-2 allo Sporting KC e supera il record di gol fatti in una stagione con i Los Angeles Galaxy, stabilito da Ruiz nel 2002. Ora insegue il capocannoniere del campionato, Carlos Vela. Scherza sul feeling con il gol: "Segnare è facile, basta essere Zlatan"

FIFA 20 RIPRODUCE ROVESCIATA IBRA, LUI PROTESTA: "C'E' UN SOLO ZLATAN"

MLS, LA CURIOSA PROTESTA DEI GALAXY CONTRO GLI ARBITRI

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Zlatan Ibrahimovic continua a collezionare record. L'attaccante svedese è entrato nella storia dei Los Angeles Galaxy con la tripletta messa a segno nella vittoria per 7-2 della sua squadra contro lo Sporting KC. Ibra, 38 anni il prossimo 3 ottobre, è arrivato a quota 26 reti in stagione, superando un primato intatto dal 2002: quello di Carlos Ruiz, a segno 24 volte con la maglia dei Galaxy. "Abbiamo giocato una buona partita - la sua soddisfazione al fischio finale - creando tanto come al solito, ma questa volta siamo stati più bravi a fare gol. Ci serviva vincere per ritrovare fiducia e preparare al meglio il finale di stagione". Ora Ibrahimovic potrà provare a ritoccare il suo primato nelle quattro partite che separano dal termine della regular season, con Carlos Vela dei Los Angeles FC- oggi capocannoniere della Mls con 28 reti - nel mirino. Alla portata ci sarabbe anche il record di centri stabilito nella scorsa stagione Josef Martinez dell’Atlanta United, che vinse il titolo di capocannoniere con 31 gol.

"Segnare è facile, basta essere Zlatan"

Infrangere record non è certo una novità per Ibrahimovic. Ai suoi primi passi nella Mls era andato a segno per cinque gare consecutive in campionato, eguagliando così il dato stabilito da Roy Lassiter nel 1996. Quello con i Galaxy è il 18esimo primato individuale che Ibra stabilisce in carriera. Si aggiunge a un fitto elenco, dove trovano posto, per esempio, lo scettro di primo giocatore ad aver vinto la classifica marcatori della Serie A con due diverse squadre (Inter 2008-09 e Milan 2011-12), di unico giocatore ad aver vinto 11 campionati in 4 leghe differenti (Eredivisie, Serie A, Primera División e Ligue 1) e ad aver giocato la Champions League con sette squadre diverse. Il segreto? Lo ha spiegato Ibra dopo la tripletta allo Sporting KC, a modo suo: "Segnare è facile, basta essere Zlatan".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche