Fifa The Best 2019, Rapinoe sul razzismo: "Koulibaly e Sterling, storie che ispirano"

Calcio

Premiata come miglior calciatrice al FIFA The Best, la stella statunitense ha parlato di razzismo: "Dobbiamo rendere il mondo un posto migliore. Ci sono alcune storie che mi hanno colpito, come quelle di Sterling e Koulibaly. Ma penso anche alla ragazza iraniana che si è suicidata, a tutti coloro che combattono l'omofobia"

FIFA THE BEST: TUTTI I PREMI - TOP 11 MASCHILE - E FEMMINILE

FIFA THE BEST 2019, CHI HA VOTATO CHI

LE FOTO PIÙ BELLE DELLA CERIMONIA

MANCINI: "CONTRO IL RAZZISMO CONTINUIAMO A LAVORARE"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Megan Rapinone ha ricevuto il premio come miglior giocatrice al Best Fifa Football Award 2019. La stella del calcio USA ha battuto la concorrenza delle connazionali Alex Morgan e Lucy Bronze: "Voglio ringraziare la mia famiglia, la mia sorella gemella, la mia ragazza che non può essere qui, per tutto il supporto ricevuto in questo anno - ha detto sul palco del Teatro Alla Scala di Milano - Assieme a loro, tutti gli allenatori che ho avuto nel corso della mia carriera e a tutti i compagni che ho avuto. Il mondiale è stato incredibile, averne fatto parte è stato indescrivibile e la qualità in campo è stata fantastica".

Storie che hanno lasciato il segno

"Ci sono alcune storie che mi hanno colpito di più - ha aggiunto - Sterling e Koulibaly, che hanno attaccato il razzismo che li affligge da sempre. La ragazza iraniana che si è suicidata, tutti coloro che combattono l'omofobia. Queste sono le storie che mi ispirano, ma mi rendono anche triste: io penso che, se vogliamo avere dei cambiamenti, è necessario che anche altri, oltre a Sterling e Koulibaly, siano arrabbiati come loro. E la stessa cosa vale per chi difende i diritti LGBT, o la tutela delle calciatrici. Noi abbiamo tanto successo, a qualsiasi livello. Quello che voglio dire a tutti è: condividete il vostro palco. Usate questo splendido sport per cambiare davvero il mondo. Fate qualcosa, fate altre cose: abbiamo un potere incredibile".

Il messaggio

"Per me è naturale dare dei messaggi - ha aggiunto al termine della cerimonia - sia dentro che fuori dal campo. Questo fa parte del mio ruolo e delle mie responsabilità, tutti noi abbiamo grande rilievo nel calcio, di gran lunga lo sport più importante. Dobbiamo usarlo per portare cambiamenti positivi, dobbiamo rendere il mondo un posto migliore, fare il contrario sembrerebbe un po' egoista". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche